IL CONSIGLIO APPROVA REGOLAMENTO ED ALIQUOTA IMU

Scritto da Michele AbateVenerdì 20 Aprile 2012 00:00

 


da "Il Cirotano.it" del 20 aprile 2012


Discusso anche bilancio, tariffe rifiuti solidi urbani (nessun aumento) e piano triennale delle opere pubbliche

Tra i sette punti posti in discussione nel corso dell'ultimo Consiglio comunale, quello di sabato 14 aprile, anche il regolamento e l'aliquota comunale dell'Imu (Imposta municipale unica). Per i cittadini del piccolo centro arbereshe, la Giunta municipale, ha deciso di applicare sulla prima casa, le aliquote di base fissate dalla normativa, cioè il 4 per mille. Una tassa, che graverà su tutti i carfizzoti, compresi gli emigrati (sia in Italia che all'estero); quest'ultimi tra l'altro, si vedranno considerare l'abitazione di Carfizzi 'seconda casa' ed un'aliquota del 7 per mille. L'argomento è stato introdotto dal sindaco, coadiuvato dal segretario comunale Michele Pagliuca.
“Questa Tassa sta mettendo in subbuglio, non solo i cittadini ma, anche l'amministrazione comunale, ha detto il primo cittadino. Il governo Monti nel mese di novembre con il decreto salva Italia, ha deciso che da questa Imu deve ricava 42 milioni di euro di cui 21 andranno allo Stato e 21 agli enti locali. Una tassa che tocca il patrimonio e la proprietà ed articolata in maniera legislativa in modo che i comuni non hanno grande possibilità di manovra e se ce l'hanno è a discapito dei comuni stessi”.
Sul tema, sono intervenuti il consigliere di minoranza Andrea Amodeo secondo il quale i sindaci in sede di conferenza dovrebbero ribellarsi a questo tipo di imposizione “anche non pagando”, ed il vice sindaco Vittorio Gangale, che ha precisato come gli amministratori locali, hanno già affrontato l'argomento, “e poi non possiamo indurre la gente a non pagare”.
Prima dell'approvazione dei punti sia gli amministratori che i consiglieri, di maggioranza e minoranza, hanno deciso che entro il mese di settembre, cioè, quando si ha maggiore contezza dello stato delle cose, l'argomento sarà di nuovo oggetto di discussione consigliare; l'intento comune è di intervenire sull'aliquota per ridurla. Un fatto questo che necessita però di tempo e maggiore conoscenza dei numeri (entrate dalla prima rata di giugno).
Oltre alla nuova imposta il consiglio ha approvato il programma triennale dei lavori pubblici per gli anni 2012/2014 e l'elenco annuale dei lavori da realizzare nel 2012. Il piano prevede la realizzazione ed il completamento di opere sia urbane che extra urbane: completamento delle strade interpoderali Martorano, Corraro, Torricella e Crisma; la sistemazione delle strutture sportive (la palestra versa in uno stato di quasi abbandono), della viabilità forestale e della zona case popolari; consolidamento idrogeologico delle zone Pai. “Alcune delle opere inserite nell'elenco sono state già realizzate o sono in fase di realizzazione -ha detto il sindaco-, le altre sono tutte inserite in bandi per essere finanziate. Noi non intendiamo indebitarci con la Cassa depositi e prestiti anche perchè il comune si deve già sobbarcare rate annuali di mutui contratti dalla precedente amministrazione pari a 48.000 euro”.
Quindi, il civico consenso ha discusso le tariffe sulla Tarsu (tassa rifiuti) che per il 2012 saranno le stesse del 2011, senza alcun aumento ed il bilancio annuale di previsione 2012. “Un bilancio molto equilibrato – ha detto Maio. Abbiamo fatto i salti mortali lavorando sulla riduzione delle spese perchè non vogliamo aumentare le imposte ai cittadini. Un lavoro scrupoloso al quale ha contribuito fattivamente il dottor Pagliuca che voglio ringraziare pubblicamente”.
Nel corso della seduta, il Civico consenso ha discusso anche i verbali della seduta precedente e il piano delle alienazioni e valorizzazione immobili per il triennio 2012/2014 mentre, due punti aggiuntivi (disposizioni in materia di trattamento indennitario agli eletti alla carica di consigliere regionale ed altre disposizioni legislative e il progetto “Ospitalità Diffusa” presentato dall’Associazione “Xenia” di Carfizzi) sono stati rinviati a prossima seduta.