CARFIZZI: INCONTRO PER DISCUTERE DI PISL 'MINORANZE LINGUISTICHE'

Scritto da Michele AbateMercoledì 14 Dicembre 2011 00:00

 


da "Il Cirotano.it" del 14 dicembre 2011

 


L'iniziativa si è svolta venerdì 9 dicembre

Si è svolta venerdì 9 dicembre, nella sala consigliare del centro arbereshe, un incontro per discutere di Pisl 'Minoranze linguistiche'. All'iniziativa, convocata dal primo cittadino, Carmine Maio, erano presenti gli amministratori e i consiglieri comunali di 'casa', gli operatori degli sportelli linguistici delle tre comunità albanofone, Nikoleta Panajoti per Carfizzi, Ettore Bonnano per Pallagorio, Patrizia Curcio per San Nicola, la consigliera comunale pallagorese, Caterina Spina e Salvatore Mauro, consigliere comunale di San Demetrio Corone (centro di lingua e cultura albanese del cosentino) ed esperto in materia.
Le risorse Pisl a disposizione delle minoranze linguistiche calabresi, (arbereshe, occitane e grecaniche, in Calabria ci sono 47 comunità) sono in totale 14 milioni di euro, alle tre comunità minoritarie della provincia di Crotone, toccheranno tra i 600 ed i 700 mila euro (le somme saranno attribuite in base al numero degli abitanti quindi, circa 180.000 a Carfizzi ed il resto diviso tra San Nicola e Pallagorio).
Secondo l'esperto di San Demetrio, Salvatore Mauro, i 'Pisl minoranze', sono un'opportunità da non perdere perchè collegati agli altri 'progetti integrati', Sistemi turistici locali e Percorsi produttivi, possono essere volano di sviluppo per il territorio.
Molti i settori nei quali i comuni possono intervenire: biblioteche, parchi letterali, eventi che prevedono la promozione della lingua e della cultura locale, musei, mediateche, centri polifunzionali, scambi culturali con altre realtà minoritarie.
L'idea che è emersa nel corso della riunione è la creazione di un grande 'contenitore', un 'Parco culturale' che al suo interno possa contenere: parchi letterali intitolati a uomini di spicco originari dei tre paesi, musei dedicati all'arte orafa e alla tessitura arbereshe, scambi culturali; l'importante, cosi come proposto dal vicesindaco di Carfizzi, Vittorio Gangale, “che non siano iniziative fotocopia e poi devono avere la capacità di attrarre il turista che arriva nel nostro territorio cosi da poter creare un vero e proprio percorso turistico delle comunità arbereshe della provincia di Crotone”.