FESTA EMOZIONANTE

Scritto da Michele AbateDomenica 19 Giugno 2011 00:00

 

da "Il Crotonese" del 16 giugno 2011

Si sono svolte a Carfizzi le celebrazioni in onore di Sant'Antonio

Come da tradizione, anche quest'anno, la piccola comunità arbereshe dell'alto crotonese ha celebrato Sant'Antonio da Padova, suo santo patrono e protettore. Due giorni di intensi festeggiamenti, sia religiosi che civili. Una festa, che ha unito l'intera comunità carfizzota e commosso per la tanta manifestazione di fede anche il parroco don Giovanni Napolitano. Festeggiamenti, sentiti non solo dai residenti a Carfizzi ma anche dai tanti emigrati in Germania (in particolar modo dai 'germanesi' di Ludwigshafen dove c'è anche un 'piccolo' comitato festa composto da Giacomo Branca, Esterina Rota e Nina Benevento) che puntualmente ogni anno, nonostante la lontananza, partecipano con offerte e voti alle celebrazioni. La piccola statua lignea, nelle due giornate di festa, accompagnata dai tanti fedeli, ha attraversato le strade ed i vicoli del centro albanofono, per l'occasione 'ornate' ed abbellite dalle coperte di pizzo della tradizione locale. Il 12 giugno pomeriggio, Sant'Antonio ha lasciato il suo santuario per essere portato in processione e rientrare in tarda serata. Il giorno seguente, sotto un splendido sole, l'effige del santo di Padova ha proseguito il giro, che si è concluso con il rientro nella chiesa madre di santa Veneranda. Qui, sant'Antonio vi è rimasto fino alle 19, quando una folla di fedeli, non solo di Carfizzi, molti erano quelli giunti dai paesi vicini, il sindaco Carmine Maio ed il maresciallo dei Carabinieri hanno accompagnato la statua nel suo piccolo santuario sito in località sant'Antonio, dove don Giovanni Napolitano e don Domenico Parrotta hanno celebrato la messa di ringraziamento. Le serate di piazza, curate dal comitato festa, hanno visto due spettacoli musicali: il 12 sera il concerto del gruppo di musica etno-popolare 'Bashkim' ed il 13, dopo lo spettacolo dei fuochi pirotecnici, l'esibizione della showgirl Stefania Orlando. Le due giornate di processione sono state allietate dalle note della banda musicale 'G. Verdi' di Carfizzi diretta dal maestro Peppe Abate che, nel tardi pomeriggio di lunedì 13, nel piazzale antistante la chiesa di Santa Veneranda, ha tenuto anche un bel ed apprezzato concerto. Insomma, una festa sentita e ben organizzata, curata, da parroco e comitato, in ogni particolare.