CARFIZZI SCOPRE IL SUO TESORO

Scritto da Michele AbateDomenica 09 Gennaio 2011 00:00

 

da "Il Crotonese" dell'8 gennaio 2011

 

Dopo il sopralluogo di due funzionari della Soprintendenza
nella chiesa di Santa Veneranda
La statua di San Francesco, forse del 1600, è un esemplare unico

I cittadini della comunità arbereshe del crotonese, negli ultimi anni, stanno riscoprendo il patrimonio artistico conservato nella loro chiesa e lo vogliono valorizzare. Da anni si parla di recuperare e restaurare tutti i beni consumati dal tempo di proprietà della parrocchia di Santa Veneranda. Qualcosa, negli anni passati, è stata fatta: sono state recuperate alcune pissidi e calici e restaurata la statua lignea di Sant'Antonio da Padova. Su questa strada fedeli e parroci volevano proseguire ma le ristrettezze economiche della parrocchia non lo hanno consentito. L'obiettivo principale, dopo Sant'Antonio, era il restauro della statua raffigurante Santa Veneranda, patrona della piccola comunità albanofona. Dopo qualche anno di 'silenzio', di recupero e conservazione del patrimonio religioso si è tornato a parlare in questi giorni. Nel mese di dicembre, su invito del sindaco Carmine Maio, sono giunti a Carfizzi un funzionario ed un tecnico della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Calabria. Fine dell'invito far visionare l'imponente statua lignea di Santa Veneranda e richiedere una consulenza per il suo restauro. Accompagnati in chiesa, i due esperti hanno attentamente osservato gran parte delle statue ma, su una si sono soffermati più a lungo, esaminandola nei minimi particolari, quella di San Francesco da Paola. Questo loro atteggiamento ha sorpreso chi li accompagnava (tra i quali il sindaco). Perchè tanta attenzione? Pare che la statua raffigurante il santo di Paola, è una delle più antiche presenti in Calabria (potrebbe risalire al 1600) e una delle poche, se non l'unica, di quella fattura; così come importante pare sia il suo basamento. Un giudizio che ha sorpreso tutti, parroci e fedeli. Nessuno, nel piccolo centro arbereshe, sapeva dell'importanza e del valore di quella statua. Oltre alla statua di San Francesco, a giudizio dei due rappresentanti della Soprintendenza, di valore sono la statua di Santa Veneranda (si sapeva), la statua dell'Immacolata, quella della Madonna del Rosario, Gesù crocifisso ed un ostensorio posto sotto l'altare. Tutte hanno bisogno di intervento. Un bel patrimonio culturale, ma soprattutto di fede, che la comunità di Carfizzi vuole recuperare, valorizzare e conservare, purchè si trovino i fondi