ESCALATION DI INCENDI A CARFIZZI: CINQUE ROGHI IN APPENA TRE GIORNI

Scritto da Michele AbateMercoledì 11 Agosto 2010 00:00

 

da "Il Crotonese" dell'11 agosto 2010

 

 


   
Piromani in azione a Carfizzi. Dopo l'incendio appiccato qualche settimana fa in zona 'Pozzo', nell'arco di tre giorni, vanno registrati altri 5 tentativi di 'distruzione della natura'. Nel primo pomeriggio di giovedì 5 agosto, due focolai rischiavano di distruggere oltre venti ettari di macchia mediterranea.
Il piromane, o i piromani, di turno, questa volta hanno appiccato fuoco nelle zone 'Canalicchio' e 'Asturi'. Il pronto intervento della squadra antincendio degli idraulici forestali di San Nicola dell'Alto e dei proprietari dei terreni, ha evitato il peggio. 
Solo nell'area dell'Asturi, le fiamme, oltre a mandare in cenere lecci ed arbusti di ogni genere, ad un privato cittadino ha distrutto alcune arnie, utilizzate per la produzione di miele. Sul luogo sono giunti anche il sindaco Carmine Maio, il geometra comunale Domenico Giudice e gli agenti del Corpo forestale dello stato.
Venerdì 6 agosto, stessa ora, stesso gesto: a bruciare sono la zona del 'Caporalicchio' e dell''Uliveto'. Per domare i focolai, sono dovute intervenire due squadre di idraulici forestali, quella di San Nicola dell'Alto e quella di Melissa. 
Mano incendiaria in azione anche sabato 7 agosto. Nel tardi pomeriggio, alla vigilia della festa di Santa Veneranda, il piromane, ha appiccato fuoco per la seconda volta, in zona 'Pozzo'.
Sul posto sono intervenuti il sindaco, il comandante dei vigili urbani Giuseppe Basta ed alcuni cittadini. Allo spegnimento hanno provveduto i Vigili del fuoco di Cirò Marina,  giunti con due mezzi.  Ciò che accomuna questi incendi, è la loro vicinanza alla strada provinciale, si presume che siano 'partiti' proprio dal ciglio. 
Il sindaco Carmine Maio, si augura che non si verifichino più tali gesti e “per assicurare questi delinquenti alla legge è necessaria la collaborazione di tutta la popolazione”
.